• CARTOMANZIA PROFESSIONALE
  • CHING
  • RUNE
Tipologia di iscrizioni runiche
Tipologia di iscrizioni runiche

Iscrizioni su steli funerarie con inciso il nome di chi le ha eseguite oltre al nome di chi è stato sepolto ed il nome di chi ha fatto incidere la pietra. In un epoca più tarda su steli e urne si riscontrano incisioni di testi cristiani in lettere runiche.

Iscrizioni magico/religiose: preghiere e maledizioni, formule magiche ed incantesimi.

Iscrizioni relative al commercio: troviamo molti esempi di comunicazioni commerciali, ordini e descrizioni di merci, scuse per non aver pagato in tempo, nomi di produttori, marchi di prodotti. Le iscrizioni commerciali si trovano spesso incise su tavolette o bastoncini in legno.

Iscrizioni relative alla politica; hanno a che fare con questioni di legge, personaggi storici che attestano di essersi nascosti da qualche parte dal nemico, messaggi segreti riguardanti combattimenti durante le guerre.

Firme di artisti e artigiani: orefici, fabbri, incisori, falegnami, costruttori di chiese, spesso troviamo il loro nome inciso sulle loro opere. Anche gli oggetti spesso hanno il loro nome inciso sopra e/o il nome del possessore.

Iscrizioni semplici: es. “Jan è stato qui”, su rocce, su grandi pietre e su edifici.

lettere personali, lettere d’amore, saluti tra amici, proposte, ecc.

Insulti e improperi simili a quelli scritti sui muri di città ai giorni nostri.

La più antica testimonianza di incisione con il futhark antico completo ritrovata su pietra è la Kilver stone, ritrovata in una fattoria a Stanga nel Gotland, Svezia. E’ la lastra di copertura di una tomba che porta inciso l’intero futhark antico.

L’incisione era rivolta verso l’interno della tomba forse come messaggio per l’anima del defunto. In particolare le rune Eihwaz e Perth sono scambiate di posto e alla fine dell’incisione c’è una runa legata con quattro rune teiwaz.


RUNE GOTICHE

Il Gotico era la lingua delle popolazioni germaniche orientali ed era originariamente scritto utilizzando un alfabeto runico di cui si hanno poche notizie dovuto alle scarse prove tangibili ritrovate. Alcuni affermano che l’alfabeto runico è stato creato dai Goti ma non vi sono sufficienti prove per confermare questa teoria.

Queste rune furono rimpiazzate con un altro alfabeto creato dal vescovo Wulfila nel IV sec. d. C.

FUTHORK ANGLO-SASSONE

L’alfabeto Runico fu portato in Britannia intorno al V sec. d. C., probabilmente dagli Angli, dai Sassoni, dagli Juti e dai Frisi (chiamati collettivamente gli “Anglo-Sassoni) le rune furono usate sino all’ XI sec. Le iscrizioni runiche in questo alfabeto si trovano principalmente su gioielli, armi, pietre e altri oggetti mentre pochi esempi di scrittura Runica in forma di manoscritto sono giunti a noi.

 
FUTHORK GIOVANE (YOUNGER FUTHORK)

Era l’alfabeto più diffuso in Scandinavia durante l’era vichinga. Si sviluppò sino alla sua forma più evoluta nell’ 800 d. C. In seguito fu gradualmente e quasi completamente rimpiazzato da quello Latino intorno al 1200 d. C., come risultato della conversione della Scandinavia al Cristianesimo. Tre versioni leggermente diverse di questo alfabeto si sono sviluppate in Danimarca, Svezia e Norvegia:

RUNE MEDIOEVALI (LATINIZZATE)

Dopo l’arrivo del Cristianesimo in Scandinavia, l’alfabeto Runico venne latinizzato ( l’ordine delle lettere segue quello del nostro alfabeto ) ed usato occasionalmente, soprattutto ad uso decorativo, sino al 1850.