• CARTOMANZIA PROFESSIONALE
  • CHING
  • RUNE
La sessualità dell’Ariete
La sessualità dell’Ariete

La sessualità dell’Ariete

Sul piano sessuale, è uno degli individui più saggi che ci sia: gli piace fare l’amore allo stesso modo in cui si alimenta. In questo settore, odia le limitazioni e le privazioni ma non commette eccessi! Attinge la sua ispirazione dalla realtà: la sua eccitazione nasce dal presente anziché dall’immaginazione o dalle fantasie. Sappiate che quando sta con voi, ci sta veramente e vi considera l’unico protagonista in quei momenti. E’ una persona tutta d’un pezzo: se un giorno il vostro abbraccio si facesse meno caloroso, andrà a cercarsi altrove conforto anziché sovrapporre alla vostra immagine quella di un personaggio famoso! E ve lo dirà in faccia, prima di finirci a letto!

La donna Ariete a letto

E’ una donna spontanea, che non ama le smancerie e non fa complimenti. Se le piacete, non le verrà in mente di fingersi esitante. E’ una donna moderna capace di esprimere le sue voglie sessuali con sincerità e naturalezza. Tendenzialmente romantica, ama sentirsi dominata ed essere “dominatrice”! Le piace particolarmente essere “aggredita”, sentirsi oggetto incontenibile da parte del partner. A differenza dell’uomo del segno, preferisce che l’amore sia preceduto da tenere carezze e che il partner ci metta una certa fantasia… in modo da rendere il rapporto un piacevole imprevisto!

L’uomo Ariete a letto

E’ piuttosto disinibito dal punto di vista sessuale: data la sua irruenza, passa direttamente all’attacco sorvolando sulle coccole e i preliminari. Riesce a compensare la velocità degli “assalti” con la frequenza! Amante dotato di scarsa raffinatezza, va fiero della sua virilità e della sua “rudezza”, pur sempre apprezzando le iniziative della partner. Quello che non vuole, sono i pudori eccessivi, la passività … e la luce spenta!

Le zone erogene dell’Ariete

Per l’Ariete la scintilla di reazione risiede nella testa. Le carezze prolungate o le dita fra i capelli mettono in attivazione tutti i suoi sensori “erotici”. E’ un incentivo fortissimo che prelude al passo più “sostanzioso”. Se poi prenderete il suo viso fra le mani e sfiorerete le labbra contro le sue… beh, il gioco è fatto!